Gestione Energetica

Il tasto dolente dell'energia

L’obiettivo del risparmio energetico può essere raggiunto attraverso interventi di diversa natura. Da un lato si può intervenire sull’aspetto costruttivo ed impiantistico incrementando le prestazioni dell’involucro edilizio o rinnovando gli impianti. Dall’altro si può intervenire sull’acquisto dell’energia ed infine con un mix delle prime due soluzioni in grado di ottimizzare la generazione, lo scambio e il consumo di energia all’interno delle strutture sportive.

Gli impianti sportivi presentano delle peculiarità che li differenziano dagli edifici commerciali sia da un punto di vista dei profili energetici di utilizzo che delle specifiche di comfort. Generalmente sono costituiti da più ambienti con finalità differenti, ad esempio campi indoor con gradinate, piscine, palestre, spogliatoi aree di ristoro e così via. Ognuna di queste aree ha delle funzionalità caratteristiche e la necessità di essere gestita in funzione dell’attività svolta. Non da meno bisogna considerare la complessità degli impianti di trattamento dell’aria, dell’acqua e la molteplicità di vettori energetici coinvolti per garantire il corretto funzionamento dell’impianto ed il benessere degli utenti. Quest’ultimo aspetto è cruciale per poter bilanciare il consumo di energia mantenendo le condizioni ottimali in cui far svolgere l’attività sportiva. Valutare le condizioni di comfort (sia termoigrometrico che visivo) è una delle sfide da affrontare se si vuole gestire in maniera ottimale l’edificio. In questo caso occorre fare fronte a condizioni molto specifiche quali sono i grandi spazi da climatizzare.

SportFM è in grado di intervenire e produrre un primo studio necessario a comprendere i costi di intervento, gli ammortamenti nel tempo degli investimenti, i risparmi sia in termini di consumo che fiscali.

Il risparmio energetico si può e si deve ottenere, ma per ogni struttura è differenziato e deve necessariamente essere compreso e progettato su misura.